Abbildungen der Seite
PDF
EPUB

203
Di Coroneo di Focide sui figlia,
Oimè, ch'io rinovello il mio dolore !)
Vergine regia e bella a maraviglia,
E già fei molti Re servi d'Amore.
Mio nome al nome di colei simiglia,
Che cerchi d'accusare al tuo signore :
Già della mia beltà molti Re presi
Per moglie mi bramar, ma non v'attesi;

204
Perchè le voglie mie pudiche e monde
Fean resistenza, come all' acque un scoglio.
Andando un di

per

l'arenose sponde Del mar con lenti passi , com’io soglio, Arder feci Nettuno in mezzo all'onde, Siccome lampad' arde in mezzo all'oglio; Nè il mar suo tutto potè spegner dramma Dell' accesa da me nel suo cor fiamma.

205 D'amor costretto alfin del mare uscito, O Dio, che lusinghevoli parole Mi disse ! O donna, ch' oggi il cor ferito M'hai con le tue bellezze al mondo sole, Donna , che col tuo sguardo almo e gradito Pareggi, e passi il lampeggiar del Sole, Non fuggir , ma quel Dio gradir ti piaccia , Il cui gran regno tutto il mondo abbraccia.

206 Quel Dio signor di quel degno elemento, A cui ciascun degli elementi cede, Se la terra io sommergo a mio talento, Pirra , e Deucalion ne faran fede, Temendo non restare il foco spento, Fuggito è nella più suprema sede ; Dall'aer puoi veder s’io son temuto, Ch'ogni giorno ho da lui censo e tributo.

Tempora cum blandis absumsit inania verbis; 575
Vim parat , et sequitur: fugio, densumque relinquo
Littus , et in molli nequicquam lassor arena.
Inde Deos, hominesque voco: nec contigit ullum
Vor mea mortalem : mota est pro virgine virgo,
Auxiliumque tulit. Tendebam brachia caelo: 580
Brachia coeperunt levibus nigrescere pennis.

5-9. Pro Virgine Virgo. Pallas, perpelua gaudens virginitate.

207 Perchè nelle caverne della terra, Nelle spelonche, ch' ha questo e quel monte , L'aer , che dentro si rinchiude, e serra , Si gela , e sface, e forma il fiume, e il fonte : Per li porosi lochi entra sotterra Novo aer a perder la primiera fonte, Dove vien se medesmo a trasformare, Per dar tributo al mio superbo mare.

208 lo di ricchezze tanto, e tanto abbondo D' argento , e d'oro, e pietre preziose , Che quante ne fur mai per tutto il mondo Si trovan tutte nel mio regno ascose; Nel mar sta il mio palazzo più profondo , Dove si veggon le più

le più rare cose, Rubini , oro, e diamanti già sommersi Di Latini, e di Greci , Arabi e Persi.

209
Signor son de' coralli, e delle perle,
Ed acquisto ogni di ricchezze nove:
E se ti piace venir a vederle,
Cose vedrai , che non hai viste altrove.
Per tutto aprir ti farò l' acque per le
Strade del mar , fin che tu giunga dove
Sta’l mio tesor , ch'è tutto a' piacer tuoi
Per te, per li parenti, e per chi vuoi.

Ei non restava di seguir dicendo:
lo fuggir con destrezza avrei voluto;
Alfin l' innamorato Dio vedendo,
Ch'era il parlar con me tempo perduto,
Si
prepara

alla forza: il corso io stendo,
E gli uomini , e gli Dei chiamo in ajuto;
Minerva sola al mio pregar voltosse,
E vergine per vergine si mosse.

Metamorfosi Vol. I.

210

15

Rejicere ex humeris vestem molibar; at illa
Pluma erat : inque cutem radices egerat imas.
Plangere nuda meis conabar pectora palmis :

584
Sed neque jam palmas , nec pectora nuda gerebam.
Currebam: nec, ut ante , pedes retinebat arena:
Et summá tollebar humo; mox acta per auras
Evehor, et data sum comes inculpata Minervae.
Quid tamen hoc prodest, si diro facta volucris
Crimine Nyctimene nostro successit honori?? 590

An, quae per totam res est notissima Lesbon, Non audita tibi est? patrium temerasse cubile

590. Nyctimene. Nyctei regis Lesbi filia , quae patris amore capta , incesti poenas dedit, in nocluam mutata , hinc lucifuga, ab avibus, interdiu si prodeat, incessitur.

591. Per totam Lesbon. Insula est Ægei maris, a conditore sic denominata.

212

[ocr errors]

211
Levar la cuffia, e i crin stracciar di testa
Volendo, empio le man di nera penna ,
La cuffia già s'impiuma , e già s'innesta ,
E fa radice nella mia cotenna;
Io cerco alleggerirmi della vesta ,
Ma quella ancora in me s'incarna , e impenna;
Graffiar volsi le parti ignude e belle
Ma nè man non trovai, nè nuda pelle.

Correva a più poter per liberarmi,
Nè il piè posava in terra come prima:
Ma in aria dal desio sentìa levarmi,
Nè dello Dio del mar facea più stima :
Più non temea che potesse arrivarmi,
Nè guadagnar di me la spoglia opima:
Poi, perch' all onestà fui sempre serva,
lo fui fatta compagna di Minerva.

213
O sfortunata ! e che mi giova or questo,
Poichè ogni mio favor restato è vano?
Che quel dì che l'error fei manifesto
Di chi scoperse il dragon di Vulcano,
Nettimene, ch'avea commesso incesto,
E fatto un nuovo augel notturno e strano,
Ch’in Lesbo nacque già del Re Nitteo,
Pallade in loco mio sua serva feo.

214
O Dio, che veggo ! e chi m'è preferita ?
Una che dell'amor del padre accesa ,
Fu tanto scellerata e tanto ardita ,
Ed ebbe tanto a ciò la voglia intesa ,
Ch'a lato al padre a mezza notte gita,
Dal padre suo fu per la moglie presa:
Ma scopertosi il fallo , acceso il lume,
Fuggir volendo si vestì di piume.

« ZurückWeiter »