Epitome rerum Romanarum: letture latine di prosa e poesia, raccolte ed annotate ad uso dei ginnasi

Cover
Carlo Giorni
G.C. Sansoni, 1908 - 272 Seiten

Im Buch

Was andere dazu sagen - Rezension schreiben

Es wurden keine Rezensionen gefunden.

Inhalt

Bassorilievo rappresentante una battaglia fra Galli e Romani Museo Capitolino
24
Guerrieri Sanniti Da un vaso dipinto di Pesto
27
Ruderi di acquedotti nella campagna romana
28
Via Appia
29
XII
33
Augure
36
Extispicium o ispezione delle viscere duna vittima compiuta dagli haruspices
37
Tempio e portico degli dèi Consenti nel Foro
44
Moneta romana collimpronta di Giano bicipite
46
Testa di Giano sovrappposta ad una stele Pompei
47
Scena religiosa tolta dallAra Pacis Augustae in essa sono rap presentate varie figure sacerdotali
48
Ara
49
Suovetaurilia sacrifizio dun porco duna pecora e dun toro
50
Tempio di Vesta Ricostruzione
54
Urna funeraria Pompei
56
Lo Stato e la Famiglia
58
Foro romano
61
Gli antichi Romani preferivano la vita dei campi a quella
69
Cappella domestica coi Lares i Penates e altre divinità
72
1
75
Panorama di Milazzo antica Mylae
76
Busto che si crede raffigurare Annibale Museo Nazionale di Napoli
79
Tomba degli Scipioni Museo Vaticano Pag
83
Cavalieri romani dalla colonna Traiana
88
Tempio di Saturno contenente laerarium o tesoro pubblico affidato alla custodia dei questori
95
Una nave da guerra trireme
99
Qualità militari di Cesare Svetonio Caesar 5758
100
Pompeo
102
Giulio Cesare Museo dei Conservatori in Campidoglio
103
Ottaviano Museo Vaticano
106
XII
107
Rostri veduti dal Clivo Capitolino Ricostruzione
108
Antonio e sua moglie Ottavia sorella di Ottaviano Augusto
109
Augusto
110
Rappresentazione duna battaglia navale naumachia da una pittura di Pompei
111
Erma che si crede raffigurare Cleopatra Museo Capitolino
112
LE CONSEGUENZE DELLE CONQUISTE
113
Corruzione dei costumi negli ultimi tempi della repubblica
122
Una sala dei Balnea Virilia di Pompei Caldarium o Sala del bagno caldo
124
Banchetto da una pittura murale di Corneto
127
Vita privata
134
Caseggiato romano da una pittura del Palatino
136
Un negozio di commestibili a Pompei Ricostr
150
Bottega di selvaggina da un rilievo della villa Albani
151
Interno duna casa signorile romana Ricostr
155
Sulla piacevolezza Cic De off I 29
156
53
159
Fontana con vasca nellinterno di una casa romana Pompei
166
Veduta di un giardino da una pittura di Ercolano
167
Combattimento di gladiatori da uno dei rilievi della tomba di Scauro a Pompei
184
Buon governo di Tiberio Svet Tib 26 sgg
185
Livia
186
Caligola
187
Agrippina
188
Clandio Museo Vaticano
189
Antonia
190
Tolleranza di Nerone contro i detti mordaci Svet Ner 39
191
Soldati pretoriani dalla colonna Traiana
193
Panorama di Pompei
194
Vespasiano
195
Arco di Tito
196
Tempio di Giove Capitolino raffigurato sopra una medaglia delletà dei Flavii
197
Traiano in villa Plinio il Giov VI 31
198
Foro di Traiano Ricostruzione
199
Antonino Pio
200
Marco Aurelio
201
Alessandro Severo
202
Diocleziano e la tetrarchia Eutr IX 2627
203
Mausoleo di Diocleziano ora Duomo a Spalatro
204
Sarcofago in porfido delle figlie di Costantino Roma Museo Vaticano
206
Costantino
207
Giuliano lApostata
208
Estreme difese di Roma contro le invasioni barbariche Sti
209
Tempio di Venere e Roma Templum Romae aeternae et Veneris felicis
212
QUADRI E FIGURE DELLA SOCIETÀ ROMANA
213
Tiberio
215
Adriano
217
Mausoleo dAdriano Castel SantAngelo
218
Statua equestre di Marco Aurelio sul Campidoglio
219
Un poeta romano si reca a visitare la Grecia Properzio
221
Biblioteca Vaticana costruita e ordinata secondo il tipo delle antiche biblioteche romane
224
Una recitatio da un rilievo sepolcrale
226
Ruderi delle Terme di Caracalla
227
Grande braciere in bronzo ahenum o caldarium trovato a Pompei
233
Frigidarium o camera del bagno freddo dalle Piccole Terme di Pompei
234
Ruderi di edifizî privati a Pompei Casa del Balcone Pensile
235
Sala da pranzo Triclinium allaria aperta Dalla casa di Sal lustio a Pompei
236
Pitture Pompeiane
237
Pitture Pompeiane Marte e Venere insieme con degli amorini
238
Citharoedus o lyristes
239
Triclinium
240
Letto tricliniare in bronzo Pompei
241
Mens sana in corpore sano
247
Come viaggiavano gli antichi e come viaggiano i moderni
251
Domiziano durante i giuochi fa distribuire doni al popolo
258
Non bastano le leggi a frenare la corruzione dei costumi
263
Indice alfabetico dei titoli e dei soggetti
269
88
271

Häufige Begriffe und Wortgruppen

Beliebte Passagen

Seite 116 - Punica bella quietus quaerere coepit, quid Sophocles et Thespis et Aeschylus utile ferrent.
Seite 168 - Ducere sollicitae jucunda oblivia vitae ? O quando faba Pythagorae cognata simulque Uncta satis pingui ponentur oluscula lardo ? O noctes cenaeque deum ! quibus ipse meique 65 Ante Larem proprium vescor vernasque procaces Pasco libatis dapibus.
Seite 109 - Excudent alii spirantia mollius aera, credo equidem, vivos ducent de marmore vultus, orabunt causas melius, caelique meatus describent radio et surgentia sidera dicent: 850 tu regere imperio populos, Romane, memento; hae tibi erunt artes; pacisque imponere morem, parcere subiectis et debellare superbos.
Seite 237 - Vinum etiam parvolis lagunculis in tria genera discripserat, non ut potestas eligendi, sed ne ius esset recusandi, aliud sibi et nobis, aliud minoribus amicis (nam gradatim amicos habet), aliud suis nostrisque libertis. Animadvertit, qui mihi proxi- 10 mus recumbebat, et, an probarem, interrogavit. Negavi.
Seite 129 - Caesar, invidet atque hominum queritur curare triumphos. quippe ubi fas versum atque nefas, tot bella per orbem, 505 tarn multae scelerum facies, non ullus aratro dignus honos, squalent abductis arva colonis et curvae rigidum falces conflantur in ensem. hinc movet Euphrates, illinc Germania bellum...
Seite 17 - Tusco sanguine terra rubet. sic iterum, sic saepe cadunt. ubi vincere aperte non datur, insidias armaque tecta parant. 215 campus erat, campi claudebant ultima colles silvaque montanas occulere apta feras. in medio paucos armentaque rara relinquunt, cetera virgultis abdita turba latet.
Seite 98 - Euro, tot circum silvae firmo se robore tollant, sola tamen colitur. sed non in Caesare tantum nomen erat, nec fama ducis : sed nescia virtus stare loco : solusque pudor, non vincere bello. acer et indomitus ; quo spes, quoque ira vocasset, ferre manum, et numquam temerando pareere ferro : 50 suoeessus urgere suos, instare favori numinis : impellens quidquid sibi, summa petenti, obstaret, gaudensque viam fecisse ruina.
Seite 107 - o longa mundi servator ab Alba, Auguste, Hectoreis cognite maior avis. vince mari : iam terra tua est : tibi militat arcus, et favet ex humeris hoc onus omne meis.
Seite 62 - Martis opus iuvenes animosaque bella gerebant 60 et pro dis aderant in statione suis : viribus illa minor nee habendis utilis armis consilio patriae saepe ferebat opem. nee nisi post annos patuit tune curia seros, nomen et aetatis mite senatus erat.

Bibliografische Informationen