Abbildungen der Seite
PDF
[ocr errors][graphic]
[ocr errors][ocr errors]
[ocr errors][merged small][ocr errors][merged small][merged small][ocr errors][merged small][merged small][merged small][ocr errors][merged small][ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors][merged small]
[ocr errors]

fiacconta il Poeta in questo primo canto, come egli trovò l'ombra di Catone Uticense, dal quale o informato di quanto aveva da fare, prese con Virgilio la via verso la marina; e lavato che Virgilio gli ebbe il viso di rugiada, e giunti al lito del mare, lo ricinse d'uno schietto giunco, come gli era stato imposto da Catone. .

[ocr errors]

Per correr miglior acqua alza le vele
Omai la navicella del mio ingegno,
Che lascia dietro a se mar sì crudele:

E canterò di quel secondo regno,
Ove l'umano spirito si purga,
E di salire al ciel diventa degno.

Ma qui la si morta poesia risurga,
O sante Muse, poi che vostro sono,

(1) La poesia in due sensi morta, cioè quella che ha cantato delle anime morte dell'Inferno, risorga ancor essa, e canti delle anime vive del Purgatorio: e in oltre la poesia, che in Italia per l'inondazione de barbari è del tutto scaduta, rifiorisca in me, come accennerà nel Canto 1. Par. v. 3o. - - - osa , si o

« ZurückWeiter »