Abbildungen der Seite
PDF
EPUB

DELLE

METAMORFOSI

D' O VIDIO

LIBRI XV.

METAMORPHOSEON

LIBER PRIMU S.

SYNOPSIS.

Chaos in quatuor elementa conversum: inde natus orbis terrarum. Quatuor mundi aetates. Gigantum scelus et poena. Lycaon in lupum mutatur. Orbis mergitur diluvio, reparatur, et saxa in homines transformantur. Pythonem Apollo interficit. Hinc orti ludi Pythii. Daphne in laurum conversa. Io in vaccam, ac postea in Deam Isidem. Argus necatur : ejus oculis ornatur pavonis cauda.

In

nova fert animus mutatas dicere formas Corpora. cæptis (nam vos mutastis et illas) Adspirate meis, primcique ab origine mundi Ad mea perpetuum deducite tempora carmen.

Fab. I. Arg. Ovidius in hujus operis initio brevissime ea de quibus est scripturus proponit, et Deos, ut sibi adesse velint, rogat, et narrationem ab ipso mundi primordio, orditur.

4. Ad mea tempora. Usque ad aetatem, ad memoriam meam: ad principium scilicet imperii Augusti.

METAMORFOSI

D' O V I DIO

TRADUZIONE DI GIOVANNI ANDREA DELL' ANGUILLARA.

LIBRO PRIMO,

ARGOMENTO. Distingue Dio il gran caos, e 'l mondo forma: Cangia l' età , i giganti, e Licaone: Manda il diluvio, e 'l sasso si trasforma In nuova gente : ucciso è 'l fier Pitone : Dafne , ed lo, con Mercurio han varia forma: Divien Siringa fistola; e 'l pavone Con gli occhi d'Argo la sua coda s'orna: Io nel primier sembiante suo ritorna.

Le forme in nuovi corpi trasformate
Gran desio di cantar m'infiamma il petto ,
Da i tempi primi alla felice etate ,
Che fu capo all' imperio Augusto eletto. .
Dei, ch'avete non pur quelle cangiate ,
Ma tolto a voi più volte il proprio aspetto ,
Porgete a tanta impresa tale aita,
Ch'abbiano i versi miei perpetua vita.

2

E tu sebben tutto hai l'animo intento,
Invittissimo ENRICO, al fero Marte,
Mentr' io sotto il tuo nome ardisco, e tento
Di figurar sì bei concetti in carte;
Fammi del tuo favor talor contento,
Che le tue grazie a noi largo comparte :
Che s'esser grato a Te vedrò il mio carme
Farò cantar le muse al suon dell'arme.

10

Ante mare, et terras, ei, quod regit omnia, caelum 5
Unus erat toto naturae vultus in orbe,
Quem dixere Chaos: rudis, indigestaque moles,
Nec quicquam, nisi pondus iners, congestaque eodem
Non bene junctarum discordia semina rerum.
Nullus adhuc mundo praebebat lumina Titan;
Nec nova crescendo reparabat cornua Phoebe,
Nec circumfuso pendebat in aëre tellus
Ponderibus librata suis: nec brachia longo
Margine terrarum porrexerat Amphitrite.
Quaque erat et tellus , illic et pontus , et aër: 15
Sic erat instabilis tellus, innabilis unda ,
Lucis egens aër: nulli sua forma manebat :
Obstabatque aliis aliud : quia corpore in uno
Frigida pugnabant calidis, humentia siccis,
Mollia cum duris, sine pondere habentia pondus. 20

.
Hanc Deus, et melior litem natura diremit.
Nam caelo terras, et terris abscidit undas,
Et liquidum spisso secrevit ab aëre caelum.
Quae postquam evolvit , caecoque exemit acervo,
Dissociatá locis concordi pace ligavit.

25 Ignea convexi vis , et sine pondere, caeli Emicuit, summaque locum sibi legit in arce:

14. Amphitrite ponitur hic pro oceano universam terram circumeunte: Tiapà & i. Qizpićev, terram enim circumcirca terit seu alluit mare.

23. Liquidum caelum. Pro aethere posuit, nam et aether purissimus est: liquidum ergo est purum, clarum, ab omni corruptione remotum.

26. Ignea convexi vis. Periphrasis est aetheris atque ignis, qui supremum propter levitatem sibi locum vindicavit.

La terra,

3. Pria che 'l ciel fosse, il mar, la terra , e 'l foco, Era il fuoco , la terra , il ciel , e 'l mare : Ma 'l mar rendeva il ciel, la terra , e 'l foco, Deforme il foco, il ciel , la terra , e 'l mare : Che ivi era e terra, e cielo , e mare, e foco, Dov'era e cielo , e terra , e foco, e mare :

il foco , e 'l mare , era nel cielo, Nel mar, nel foco , e nella terra il cielo.

4.
Non v'era chi portasse il nuovo giorno
Dal maggior lume in Oriente acceso :
Nè rinnovava mai la luna il corno,
Nè l'altre stelle avean lor corso preso;
Nè pendeva la terra intorno intorno
Librata in aere dal suo proprio peso;
Nè il mare avea col suo perpetuo grido
Fatto intorno alla terra is vario lido.

5.

Quindi nascea, che stando in un composto
Confuso il cielo, e gli elementi insieme,
Faceano un corpo informe e mal disposto
Per donar forma al mal locato seme :
Anzi era l' un contrario all'altro opposto
Per le parti di mezzo , e per l'estreme;
Fea
guerra
il leve al

grave,

il molle al saldo, Contro il secco l'umor, col freddo il caldo.

6.
Ma quel , che ha cura di tutte le cose,
La natura migliore , e 'l vero Dio,
Tutti quei corpi al suo luogo dispose
Secondo il proprio lor primo desio :
D'intorno il cielo, e nel suo centro pose
La terra, indi dal mar la dipartio ;
E’l passo aperto , onde esalasse il loco,
Se ne volò nel più sublime loco.

« ZurückWeiter »