Abbildungen der Seite
PDF
EPUB

551

Quid fuerim, quid simque, vide; meritumque re191 E se conoscer vuoi che non sta bene, E che senza alcun dubbio erra colui, Che dice più di quel che gli conviene, Ricerca quel , ch' io sono, e quel ch' io fui: E il mal intenderai ch' or me ne viene, Per voler troppo esser fedele altrui ; Ch'esser dovrei norma , ed esempio a molti , Siccome intenderai se tu m'ascolti.

quire: Invenies nocuisse fidem; nam tempore quodam Pallas Erichthonium, prolem sine matre creatam,

551. Quid fuerim. Comes namque fui Minervae. Quid sim. Nunc a comitalu Minervae repulsa contemnor.

553. Pallas. De ortu Erichthonii e semine Vulcani, vin Minervae parantis, in terram effuso obsignati, et tribus virginibus Cecropidis commendati , vide Lactantium lii. de falsa religione c. 17.

192 Quando i Giganti mosser guerra a Giove, Giove con l' ordinarie sue saette Parve, che indarno fulminasse dove Fatta la scala avean , che salda stette; Vulcano allor certe saette nove Formò

per questo fin proprie e perfette, Ch'addosso a quei mandar l' alto edifizio, E diero al fallo lor degno supplizio.

193
Giove, per premio di sì raro ajuto,
Promise al Fabbro dar ciò, che chiedea :
Egli, che sebben zoppo era e canuto,
Dell' amor tutto di Minerva ardea,
Gli disse, che per moglie avria voluto
La casta e saggia e bellicosa Dea;
Giove, che n'avea fatto giuramento
Disse , ch' in quanto a lui n'era contento.

194
Vulcano allegro Pallade ritrova,
L'abbraccia , e vuol baciarla come moglie;
Ella, a cui questo par cosa assai nova,
Contrasta acerbamente alle sue voglie.
Lussurioso il vecchio usa ogni prova,
Ella lo scaccia, ei da lei non si scoglie;
Alfin con tal fervor con lei s'afferra,

sparge per dolcezza il seme in terra.

Che

Clauserat Actaeo textá de vimine cistá:
Virginibusque tribus gemino de Cecrope natis 555
Hanc legem dederat , sua ne secreta viderent.
Abdita fronde levi densa speculabar ab ulmo
Quid facerent: commissa duae sine fraude tuentur,
Pandrosos atque Herse: timidas vocat una sorores
Aglauros , nodosque manu diducit; at intus 560
Infantemque vident, apporrectumque draconem.

555. Gemino de Cecrope. Cecrops idcirco geminus ac biformis dicitur, quod ex parle homo, ex parte serpens fuisse prehibetur. Demosthenes ideo hoc fictum dicit, quod et prudentia in consiliis summa esset; et in rebus agendis, viribus ac audacia uteretur. Unde et Athenienses Cecropidae vocanlur. Ei tres fuerunt filiae , Pandrosos, Herse, Agraulos: vel ut alii leg. Aglauros.

[graphic]
[ocr errors]
[ocr errors]

L. Idemelli in.
L. frutti di

2. Ser une ERIT TONIO DATO IN GUARDIA ALLE FIGLIE DI CECROPE

Tav. 25.

Lib. II.

« ZurückWeiter »