Abbildungen der Seite
PDF
EPUB

Incidit in matrem, quae restitit Arcade viso; 500
Et cognoscenti similis fuit; ille refúgit,
Immotosque oculos in se sine fine tenentem
Nescius extimuit: propiusque accedere aventi
Vulnifico fuerat fixurus pectora telo:

Arcuit Omnipotens: pariterque ipsosque nefasque 505
Sustulit; et celeri raptos per inania vento
Imposuit caelo, vicinaque sidera fecit.

506. Inania. Immensum vacuum Lucr. lib. 1. per spatium aërium, quod inane videtur.

171

Cacciando per le selve di Erimanto Arcade, e ricercando ogni pendice, Con cani, e reti, e con cento altri a canto, S'incontrò nell'ignota genitrice. Come ei la vede si ritira alquanto, Ma non si ritirò quella infelice; Ma, come ben riconoscesse il figlio, Tenne in lui fermo il trasformato ciglio.

172

Ei che s'accorge, ch'a lui sol pon mente, Teme di qualche mal, se non s' aita; Lo strale, e l'arco incontra immantinente, E pensa darle una mortal ferita; Che farai scellerato e sconoscente, Darai la morte a chi ti diè la vita? Provvedi al parricidio, o sommo padre, Se non tuo figlio ucciderà sua madre.

173

Per vietar Giove, ch' Arcade non faccia, Quel maleficio, al quale il vede intento, Gli cangia in un momento e sesso, e faccia; Fallo un' altr' Orsa, e fa levare un vento, Ch' ambe le leva in aria, e via le caccia Verso Boote assiderato e lento; E tanto le portò per l'aria a volo, Che in ciel le collocò vicine al Polo.

174

Laddove poi la lor rugosa pelle

Si fece un manto chiaro e trasparente,
E si fer tutte le lor membra stelle:

Questa è men grande, e quella è più lucente;
Or l'Orse son del ciel lucide e belle,

Ed Orse ancor son dette dalla gente:

E

per Orsa minor la madre è nota,

L'altra è maggior, che fa più larga rota.

515

Intumuit Juno, postquam inter sidera pellex
Fulsit: et ad canam descendit in aequora Tethyn,
510
Oceanumque senem; quorum reverentia movit
Saepe Deos: caussamque viae scitantibus infit:
Quaeritis aethereis quare regina Deorum
Sedibus huc adsim? pro me tenet altera caelum.
Mentiar, obscurum nisi nox cum fecerit orbem,
Nuper honoratus summo mea vulnera caelo
Videritis stellas illic, ubi Circulus axem
Ultimus extremum spatioque brevissimus ambit.
Est verò, cur quis Junonem laedere nolit,
Offensamque tremat ; quae prosim sola nocendo? 519
En ego quantum egi! quam vastapotentia nostra est!
Esse hominem vetui: facta est Dea: sic ego poenas
Sontibus impono: sic est mea magna potestas,
Vindicet antiquam faciem, vultusque ferinos
Detrahat; Argolica quod in ante Phoronide fecit.
Cur non et pulsa ducat Junone, meoque
525
Collocet in thalamo, socerumque Lycaona sumat?

509. Ad canam Thetyn. Thetys Coeli et Vestae filia fuisse dicitur, uxor Oceani ac Junonis nutrix, multorumque Deorum matre. Et saepe pro mari accipitur.

510. Quorum reverentia. Oceanus et Thetys magno in honore sunt apud omnes Deos, quia antiquissimi. Alter Deorum parens: altera mater sive nutrix. Vide Natal lib. 8. cap. 1.

524. Quod in ante Phoronide. Quod ante in Phoronide, id est, in Io Phoronidis nepte, quae cum in vaccam Iunonis metu fuisset conversa, humanae tandem formae a love fuit restituta.

175

Ahi, come si gonfiò d' ira, e di sdegno
Giunon vista colei splender nel cielo,
Ed esser fatta del celeste regno
Senza l'irsuto e rugginoso pelo;
Come se n' alterò, come fe' segno
Del nuovo nato al cor timore, e gelo;
Come andò tosto a scoprir le sue voglie
Al canuto Oceano, ed alla moglie.

176

Io so, che avete di saper desio,
Disse, perch'io così passeggio l'onda:
Altra nel ciel possiede il loco mio,
Più grata al mio marito, e più gioconda:
E vederete ben, che non mento io,
Tosto che il Sol la sua luce nasconda,
Se in ciel ver Borea drizzate lo sguardo
Nel cerchio ch'è più picciolo e più tardo.

177

Chi fia per l'avvenir che non mi offenda?
Chi che mi tema più, per quel ch'io vedo?
Come nel mondo il mio poter s' intenda,
Ch' allora io giovo, che d' offender credo.
Da me tal pena ogni nocente attenda,
Questa è la gran possanza ch'io possiedo :
Per nocer toglio altrui l'umana veste,
E giovo, e folla divenir celeste.

178

Perchè non rende a lei l'antica faccia, Come alla figlia d'Inaco fe' Giove? Perchè dal letto mio me non discaccia? Non fa divorzio, e non mi manda altrove? Perchè nel letto mio poi non abbraccia Le bellezze per lui sì rare, e nove? Che non la sposa, oltre il commesso strupo, E per suocero suo non prende un lupo? Metamorfosi Vol. I.

14

At vos si laesae contemtus tangit alumnae,
Gurgite caeruleo septem prohibete Triones:
Sideraque in caelo stupri mercede recepta
Pellite: ne puro tingatur in aequore pellex.

Di maris annuerant. Habili Saturnia curru
Ingreditur liquidum pavonibus aëra pictis:
Tam nuper pictis caeso pavonibus Argo;

530

528. Gurgite. Ad fabulam traducit causam naturalem, quod sidera polo nobis elevato vicina non subeant horizontem qui poëtis et vulgo mare. Septem triones. Majorem ursam cum Arctophylace, vel potius cum mi

pore ursa.

FAB. VII. Argum. Dí maris annuerant. Corvus volucris initio candidis pennis plumatus fuit, sed quia Coronidem Coronei filiam indicaverat Apollini in adulterio morari, illaque propter acerbissimum indicium, flagrantis Dei sagittis confixa fuit, ex eo ille niger ex candido factus. Ex Coronide autem et Apolline nascitur Esculapius, quem pater exciso utero matris, cum ea rogo esset imposita, abstulit. Is ad Chironem centaurum a patre in Pelium delatus est montem, ut ab eo incrementum simulque scientiam acciperet medendi.

531. Dî maris annuerant. Oceanus et Thetys nutu promiserant se prohibituros ne Septemtriones in mare descendant.

532. Pavonibus pictis. Quorum caudas gemmis stellantibus ex Argi oculis ornarat Juno l. 1. v. 723. Picti vero pavones proprie trahunt currum Junonis, propter variegatam et multicolorem aeris naturam: qua de. causa et Iris eidem nuncia et ministra est.

« ZurückWeiter »