Abbildungen der Seite
PDF
EPUB

Æthiopasque suos , positosque sub ignibus Indos Sidcreis, transit; patriosque adit impiger ortus.

Finis Libri I.

219 Ver l'orto Iberno si drizza Fetonte , E va sì ratto che par ch'abbia l'ale, L'orsa , quanto ei più va , più par che smonte, E restino da scender manco scale; Vide ambo i Poli star nell' Orizzonte, Quand' egli entrò nell'Equinoziale: E quindi andò contro la Zona ardente Alla corte del padre in Oriente.

Il fine del primo libro.

P. OVIDII NASONIS

METAMORPHOSEON

LIBER SECUNDUS.

SYNOPSIS.

Phaethon caelo dejectus: ejus Sorores in populos mutatae : Cycnus in olorem : Calisto in ursam: Corvus ex albo in nigrum: Ocyroë in equam: Apollo in pastorem. Battus, et Agraulos in lapides : Jupiter in taurum. Invidiae domus. Europa rapta.

Regia Solis erat sublimibus alta columnis, Clara micante auro, flammasque imitante

imitante pyropo: Cujus ebur nitidum fastigia summa tegebat :

1. Regia solis erat. Volunt nonnulli poëtam intendisse digitum ad Augusti Templum cum porticu et bibliotheca magnifice exstructum in parte Palatii. Alii, habuisse eum ante oculos regiam Latini a Virgilio descri. plam 7. Æneid. Ego certe credo Poëtam, quo fuit ingenio, in mentem suam tantum tinxisse calamum, atque inde cum Phaëthonte suo concepisse aethcra mente. Nisi forte in manibus habuerit Euripidis Phaëthonta qui nobis interiit , cujus meminit Athenaeus 11. lib. et cujus a Longino , dum erempla poëticae phantasiae adfert, specimen citalur, inibique praecepta Phoebi Phaëthontem suum monentis instituentisque, infra vers. 54. et 133. 2. Pyropo. Gemma radiante instar carbunculi. Neque enim placet,

de eare coronario: quod Plinius lib. 34. c. S. scribit auri certis scrupulis mixlum praetenui pyropi braclea ignescere.

115 DELLE METAMORFOSI

D' O V I DIO
LIBRO SECOND O.

ARGOMENTO.

Fetonte è fulminato ; e le Sorelle
Divengon pioppe ; e il Zio canoro augello;
Orse Arcade , e Calisto, e poi due stelle;
Coronide Cornice. Al Sol rubello
Nettimene è l'augel. Per sue novelle
Si cangia in ner di bianco il Corvo fello;
Cavalla ė Ocira; e Batto Indice; e Aglauro
Dur sasso; e Giove un bianco, e vago

Tauro.

[ocr errors]

Il sublime real superbo tetto
Di lui , che il mondo alluma, insorma, e veste ,
È d'argento , d’avorio, e d'oro schietto,
Con

gemme riccamente ivi conteste;
Ben'opra par di divino Architetto ,
E non terreno intaglio , ma celeste;
E che val ( di tal pregio è quel lavoro )
Più l'artifizio, che le gemme, e l'oro.

2

Il muro in quadro è di massiccio argento,
D'or le superbe statue uniche, e sole ;
Che fanno insieme istoria , ed ornamento,
E mostran tutti gli effetti del Sole :
Avorio è il tetto, e marmo il pavimento
Della superba incomparabil mole;
Quel poi che sporge in fuori, e che traspare,
Son tutte gemme preziose e rare.

Argenti bifores radiabant lumine valyae.
Materiem superabat opus; nam Mulciber illic 5
Æquora caelarat medias cingentia terras,
Terrarumque orbem, caelumque quod imminet orbi.

« ZurückWeiter »