Abbildungen der Seite
PDF
EPUB

e

a

127
Si sa ben provveder secretamente
Per soddisfar la sua voglia impudica
Tiresia, ma non tanto che la gente
Nol veda , non ne mormori e non dica:
Ahi! come donna si

scuopre sovente
Dell'onor di se stessa poco amica ,
Ch'a disonesto amor ceda , e compiaccia ,
Pensando che si celi, e che si taccia.

128
Ben fortunata si può dir colei,
Che non dà orecchie a disonesto’invito:
E che può far, che la ragione in lei
Vinca il pensier lascivo, e l' appetito.
O ben felice cinque volte, e sei,
Chi si sa contentar del suo marito,
E non la lega altro impudico nodo:
Che son gli uomini alfin tutti ad un modo.

129
Vide dopo sett'anni che fu donna,
La serpe sotto l'amorosa soma ,
E disse : s'a turbargli l'uom s'indonna,
Io vuo'provar , se la donna s’inuoma :
Gli batte, e un sajo allor si se la gonna,
Crebbe la barba, é s'accortò la chioma,
Spianossi il petto, e quel ch'era nascosto
Uscendo, il fe per uom conoscer tosto.

130
E s'è ver quel che molti hanno affermato,
Quand' ei l'ultima volta gli batteo,
Volle il colpo ritrar, ch'avea menato,
Ma calato era troppo, e non poteo:
Che trovò sempre in feminile stato,
Come più volte esperienza feo ,
Venere assai più dolce, e più soave;
E però il tornar uom le parea grave.

Arbiter hic igitur sumtus de lite jocosa,
Dicta Jovis firmat. Gravius Saturnia justo,
Nec pro materici fertur doluisse: suique
Judicis aeterná damnavit lumina nocte.

335
At pater omnipotens (neque enim licet irrita cuiquam
Facta Dei fecisse Deo ) pro lumine ademto
Scire futura dedit : poenamque levavit honore.

Ille per Aönias fama celeberrimus urbes Irreprehensa dabat populo responsa petenti,

340 131 Vuo' ( disse ) ad ogni modo castigarti Ver lui ch'era ancor donna ) la Natura; E intendo il tuo maggior piacer levarti, Poichè non hai della vergogna cura: E quanto erra colui , vuo' ancor mostrarti Che d'impedir l' altrui gioja procura; E così tolse il ben più dolce a lui, Per la dolcezza, ch'avea tolto altrui.

333. Gravius. Sic Hesiodus, Tzetzes , Liberalis , alii tum poetae, tum interpretes. Callimachus vero in lavacro Palladis, et Nonnus Dionys. 5. Tiresiam oculis privatum fuisse eadem de causa , qua Actaeona tradunt: a Pallade scilicet quam nudam viderat , visus incustoditi poenam dedisse; et Propert. l. 4. 9. Magnam Tiresias aspexit Pallada vates , Fortia dum, posita Gorgone , membra lavat.

Fab. V. Argum. Ille per Aonias fama celeberrimus urbes , etc. Liriope nympha ex amne Cephiso procreavit Narcissum, cui Tiresias Ereri filius omnia prospera responso pollicitus est , si pulchritudinis suae nullam habuisset notitiam. Hunc igitur Echo cum diligeret , neque viam potiundi inveniret , cura et sollicitudine juvenis , quem extremis vocibus persequebatur fugientem , extabuit , ejusque reliquiae corporis ine lapidem conversae sudi. Quod ei incidit Iunonis ira , quia garrulitate sua eam saepe esset morata , ne Iupiter in montibus persequens nymphas, manifesto deprehendi posset. Fertur Echo filia Iunonis ob deformitatem montibus recondita, nequid ejas praeter vocem inspici posset , quae tamen post obitum auditur.

339. Ille per Aonias. Boeotias. Aonia enim pars est Boeotiae montana ab Aone rege cognominata. Haec autem inseruntur, ut commodius fabulae conjugantur.

9

1

132 A questo eletto giudice s'espose La di ridicol merito tenzone; Il qual, senza pensarvi su , rispose , E la sentenza diè contro Giunone; Le man sdegnata addosso ella gli pose , E fuor d'ogni dover , d'ogni ragione, Come s'avesse a lei fatto uno scorno, Gli occhi innocenti suoi privo del giorno.

133 Così perpetua notte il miser' ebbe Per pagamento della sua sentenza; E’l re del cielo, a cui molto n'increbbe, Sofferse, che il facesse in sua presenza : Perocchè giusto a un Dio già non sarebbe All opra

d'altro Dio far violenza; Pur per ricompensar quel rio destino , Delle cose future il fe indovino.

134 Così diè Giove ricompensa in parte Al miser uom, ch'avea perduto il lume; E per

dirlo la Fama in ogni parte Tosto spiegò le sue veloci piume: Come in Beozia un cieco v'è che l'arte, D'indovinar il ver saper presume, E in poco tempo da tutte le bande Vi concorse a trovarlo un popol grande.

[ocr errors]

344

Prima fide vocisque ratae tentamina sumsit
Caerula Liriope : quam quondam flumine curvo
Implicuit; clausaeque siis Cephišos in undis
Vim tulit. Enixa est utero pulcherrima pleno
Infantem, Nymphis jam tunc qui posset amari,
Narcissumque vocat. De quo consultus , an esset
Tempora maturae visurus longa senectae,
Fatidicus vates: Si se non noverit, inquit.
Vana diu visa est vor auguris. Eritus illam,
Resque probat , letique genus, novitasque furoris.

349

341. Vocisque ratae. Concessae artis vaticinandi. 342. Liriope. Congruum Narcissi matri nomen. åró Tế Daçio, a lilio.

. Caerula Liriope. Narcissi in florem ejusdem nominis mutationem referre incipit poëta. Nam Liriope nympha Oceani ac Tethyos filia, a Cephi so fluvio Boeotiae compressa , Narcissum peperit , quem Tiresias consultus a matre , ad maturam senectutem perventurum , si se non nosset , praedixit. Id verò cum ambiguum videretur , exitu tandem fuit comprobatun.

346. Narcissumque. A'roz vaqzay, quod marcescat cito, si porem respicias ; si puerum , quod suo desiderio marcidus torpuerit.

348. Si se non poverit. Hoc est, si numquam suam pulchritudinem cognoverit.

>

[merged small][ocr errors][merged small][ocr errors]
« ZurückWeiter »