Abbildungen der Seite
PDF
EPUB
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors][ocr errors][ocr errors]

47
Una splendida via nel ciel riluce,
Candida'si, che dal latte s'appella :
La nobiltà del ciel vi si riduce,
La plebe alberga in questa parte , e in quella,
Questa è la via, la qual dritto conduce
Alla corte real superba e bella;
Per

questa via con pompa, e con decoro Gli Dei n'andaro al santo concistoro.

48 Assiso

ognun nel suo bel seggio adorno
E nell' alto regale il sommo Giove,
Girando ei l'infiammate luci intorno
Mostro. d' aver cose importanti e nove:
Crollando il capo altier, che d'ogn’ intorno
Il ciel, la terra, il mare , e i venti move,
Per far noto a che fin tutti raccolse,
La lingua irata in lai parole sciolse:

49
Non mi trovai più gravemente oppresso
Per le cose del mondo dal pensiero
Nel tempo, che i giganti sottomesso
Aveano tutto l' artico emispero,
E tutto il cielo in gran travaglio messo,
Cercando opprimer noi col nostro impero ,
Tentando con la forza, e con l'ingegno
Dar fine al nostro sempiterno regno.

50
Che sebben era l'inimico acerbo

forte , e dell'animo insieme;

quell' indegno atto e superbo Nacque sol d'una origin e d’un seme; Che la deità nostra adora e teme:

coppia al mondo or ne riserbo, Ogni altro, ovunque il sol luce, e le stelle, Per tutto il mondo a noi fatto è rubelle. Metamorfosi Vol. I.

[ocr errors]

Del

corpo Par tutto

Solo una

[ocr errors][subsumed][merged small]

200

Perdendum est mortale genus: per flumina juro
Infera, sub terras Stygio labentia luco.
Cuncta prius tentata: sed immedicabile vulnus

190
Ense recidendum est, ne pars sincera trahatur.
Sunt mihi Semidei, sunt rustica numina Fauni,
Et Nymphae, Satyrique, et monticolae Sylvani:
Quos quoniam caeli nondum dignamur honore,
Quas dedimus, certe terras habitare sinamus.

195
An satis, o Superi , tutos fore creditis illos?
Cum mihi, qui fulmen, qui vos habeoque regoque,
Struxerit insidias notus feritate Lycaon?
Confremuere omnes, studiisque ardentibus ausum
T'alia deposcunt. Sic, cum manus impia saevit
Sanguine Caesareo Romanum extinguere nomen,
Attonitum tantae subito terrore ruinae
Humanum genus est: totusque perhorruit orbis.
Nec tibi grata minus pietas, Auguste, tuorum,
Quam fuit illa Jovi, qui postquam voce, manuque 206
Murmura compressit, tenuere silentia cuncti.
Substitit ut clamor, pressus gravitate regentis;

Jupiter hoc iterum sermone silentia rupit.
Ille quidem poenas (curam hanc dimittite) solvit;
Quoit tamen admissum, quue sit vindicta, docebo.

188. Per flumina juro Infera. Per Stygem paludem jurat , mortale nus totum esse perdendum. Stygis autem numen Dii fallere metuebant, ut ait Virg. Dii cujus jurare timent et fallere numen. Quia ipsa Styx coniuratorum contra Jovem deorum, cum illum vincire voluerunt, insidias patefecerat, hanc illi dignitatem concessit , ut dii jusjurandum per Stygem sanctissimum haberent.

ge

193. Nymphae. Diis omnibus Nymphae quaedam erant attributae ad ministerium. Habuit Jupiter, ut hic vides. Habuit Neptunus, et Hesiodus illi dat quinquaginta. Habuit Phoebus Agani ppidas suas et Aonias. Habuere etiam deae , ut Juno i Aeneid.

Sunt mihi bis septem praestanti corpore Nymphae. Ut Diana Venatrices ; Thetis Nereïdas.

198. Lycaon. Arcadiae Tyrannus,

200. Manus impịa saevit. Coniurantium in Augustum , quorum meminit Svetonius cap. 19; neque enim placet intelligere de Julio Caes, qui coniurationi non superfuit,

>

51

[ocr errors]
[ocr errors]

E

per quell'acqua giuro , che n’astringe
A dover osservar le mie parole,
Per tutto, ovunque il mare abbraccia, e cinge,
Voler tutta annullar l' umana prole;
Che se necessitade a ciò ne spinge;
Una piaga incurabil se ben dole
Con ferro, o foco si recida , e netti ,
Perchè la parte sana non infetti.

52
Satiri, Semidei, Fauni e Silvani
Non degni ancor dell'alto onor del cielo,
Fra spirti sì crudeli , e si profani,
Come vivran sotto il terrestre velo,
Se me, che con le proprie invitte mani
Lancio l'ardente e spaventoso telo,
Me , che dò legge alla celeste corte,
Ha cercato un mortal condurre a morte?

53
Gran mormorio fra lor , gran romor nacque
Udita sì perversa intenzione:
E tanto a ciaschedun dolse, e dispiacque ,
Ch' ognun cercò saperne la cagione: :
Chi si nelle mal

opre si compiacque,
Ch'osò d'usar sì gran presunzione.
E dimostraro tutti a più d'un segno,
Ver Giove gran pietà, ver lui gran sdegnc.

54
Ma poi , che con la mano , e con la voce
Comandò, che ciascun tacendo udisse ,
Via più che mai terribile e feroce
Ruppe il nuovo silenzio, e così disse:
Lasciate andar , che del suo fallo atroce
Volli , che degna pena ei ne patisse ,
Perocchè gli cangiai la forma , e 'l nome
Per suo supplizio, ed udirete come.

[ocr errors]
[ocr errors]

е

e

211

215

Contigerat nostras infamia temporis aures :
Quam cupiens falsam, summo delabor Olympo,
Èt Deus humans lustro sub imagine terras.
Longa mora est, quantum noxae sit ubique repertum,
Enumerare: minor fuit ipsa infamia vero.
Maenala transieram latebris horrenda ferarum,
Et cum Cylleno gelidi pineta Lycei:
Arcados hinc sedes, et inhospita tecta tyranni
Ingredior, traherent cum sera crepuscula noctem.
Signa dedi venisse Deum, vulgusque precari
Coeperat : irridet primo pia vota Lycaon:
Mox ait, experiar, Deus hic, discrimine aperto,
An sit mortalis, nec erit dubitabile verum.
Nocte

gravem somno nec opinii perdere morte Me parat: haec illi placet experientia veri. 225

220

211. Contigerat nostras. Verisimile est, Gentiles mulla è sacris libris, vel lectione , vel audilione accepisse : vel etiam i Chaldaeis, et Aegyptiis, inter quos vixerant Hebraei. Quis, inquit Tertullianus in Apologetico contra gentes, poëtarum, quis sophislarum : qui non omnino de fonte prophetarum potaverit? inde igitur philosophi sitim ingenii sui rigaverunt, et quae seq. cap. 47. Deus certe ipse, ut habetur lib. Geneseos cap. 18 dicit, Descendam , et videbo utrum clamorem qui venit ad me, opere compleverint, an non sit ita, ut sciam.

216. Maenala transieram. Maenalus autem et urbs et mons est Arcadiae celeberrimus , a Maenalo Arcadis filio denominatus.

219. Lycaei. Montis Arcadiae, cuius regem proleptice nuncupat poeta Arcada : quum Arcadia postea dicla sit ab Arcade filio Callistus, quae filia eral Lycaonis. Et cum Cylleno. Alons Arcudiae Mercurio dicalus: unde etiam Cyllenius appellatur.

[ocr errors]

55
Quando mi venne per sorte all'orecchio
L'orrenda, che del Mondo infamia suona ,
Dal ciel discendo , e cercar m'apparecchio,
S'è ver tutto quel mal, che si ragiona.
Prendo uman volto, e il mio sembiante vecchio
Lascio, e vo, non credendolo, in persona :
Qui saria lungo a darne il conto intero,
Che la fama trovai minor del vero.

56
Vidi cercando diversi paesi
Regnar per tutto la forza e l'inganno;
Giunsi al fine in Arcadia, e quivi intesi,
Che v'era un crudelissimo tiranno:
Ver le case spietate il cammin presi,
Per voler riparar a sì gran

danno :
Fei per gran segni noto al venir mio,
Ch'io era in corpo uman l'eterno Dio.

57
Gli spirti più sinceri e più divoti
Già per tutto venian per

adorarmi,
A mandar preghi, ed a prometter voti
Per segni che vedean mirandi farmi,
Nè far gli potei mai sì chiari e noti,
Che fede Licaon volesse darmi :
Anzi di me sì forte si ridea,
Che s'adombrò ciascun, che mi credea.

58
Poi tra se disse: io mi son risoluto
Voler di questo fatto esser più chiaro,
Se questo è Dio , o pur qualche uomo astuto ,
Che cerchi d'ingannare il volgo ignaro:
M'invita seco a cena; io non rifiuto,
Perche'l suo mal pensier gli costi caro,
Ch'era di darmi in quello stante morte,
Che il sonno agli occhi miei chiudea le porte.

[ocr errors]
« ZurückWeiter »