Abbildungen der Seite
PDF
EPUB

NEW YORK DUC LIERARY

SP LENOX AND TILMELDATION8.

[merged small][ocr errors][merged small][ocr errors]

[ocr errors][ocr errors]

Jam stabant Thebae : poteras jam, Cadme, videri Exsilio felix : soceri tibi Marsque Venusque Contigerant. Huc adde genus de conjuge tante, Tot nalos, natasque, et pignora cara nepotes. Ilos quoque jam juvenes. Sed scilicet ultima semper Exspeciarula dies homini : dicique beatus 136 Ante obilum nemo supremaque funera debet.

Prima nepos inter tot res tibi, Cadme, secundas Caussa f'uit luct is, alienaque cornua fronti Ardila, vosquie canes satiatae sanguine herili. 140 át bene si quaeras, Fortunae crimen in illo,

Fab. II. Arg. Jam stabant Thebae: poteras jam, Cadme, videri etc. Diana cum in valle Gargaphiae aestivo tempore fatigata ex assidua venatione, se ad fontem perlueret, Actaeon Aristaei et Autopoës filius eundem locuia petens, ad refrigerandum se et canes, quos exercuerat, feras persequens, in cospectum Deae incidit; qui ne eloqui posset, habitusejus in cervuin ab ea conversis est, ita ut pro fera laceratus a suis canibus sit.

132. Soceri tibi Marsque Venusque. Uxorem namque Hermionem duxil Cadmus, Marlis Venerisque filiam. ivarsque. Diodorus tamen lib.6. scribit, Cadmum duxisse Harmonian ( quam alii vocant Hermionem ) uxorem Jasii, non ut Graeci fabulantur, Martis sororem, aut filiam.

134. Tot natos. Filius quatuor, Ino, Semelen, Agaven , Autonoën; filium unum, Podonum: alii, Polydorum. Nepotes. Ex Ino , quae nupsit Athamanli, Melicertam et Learchum; er Semele et Jove, Bacchum; et Agave et Echione, Pentheum ; ex Aulonoë et Aristaeo , Actaeona.

43 Cadmo dopo sì vario e gran periglio, Tebe veduto avea crescer di sorte, Che in questo suo non meritato esiglio Si potea contentar della sua sorte : Avea più d'un nipote , e più d'un figlio, E la più bella e più saggia consorte Ch'al mondo fosse in qualsivoglia parte, E per soceri avea Venere e Marte.

44
Che
gran

felicità ! che gran contento,
Vedersi una famiglia sì fiorita,
E cominciata aver dal fondamento
Una città sì nobile, e fornita !
Ma che? nessun si può chiamar contento
Fin all'estremo punto della vita :
Fortuna ogni suo gaudio in pianto volse ,
E il contento ch'avea, tutto gli tolse.

45 Cadmo un nipote avea d'una sua figlia : Felice lui se non l'avesse avuto, Ch' ancor serene avria le meste ciglia, Che non si piange il ben non conosciuto: Cortese era e leale a meraviglia ,

il
Grato, giocondo, e di piacevol faccia,
E
sopra
modo
vago
della caccia.

46
Un caso strano al misero intervenne ,
Il maggior infortunio non fu mai,
E di quanti parlar l'antiche penue,
Tutti gli altri avanzò questo d'assai.
Da lui Diana offesa un dì si tenne
Ma non l'offese , e tu Fortuna 'l sai;
E sebben quel meschin Diana incolpa,
Tu sai pur, che fu tua tutta la colpa.

Da tutto quanto

regno ben voluto;

« ZurückWeiter »