Abbildungen der Seite
PDF
EPUB
[ocr errors][ocr errors]
[ocr errors]

Vertit ad hanc torvi Dea bellica luminis orbem:
Et tanto penitus traxit suspiria motu,
Ut pariter pectus , positamque in pectore forti
Ægida concuteret. Subit, hanc arcana profaná 755
Detexisse manu tum, cum sine matre creatam
Lemnicolae stirpem contra data foedera vidit:
Et gratamque Deo fore jam , gratamque sorori:
Et ditem sumto, quod avara poposcerat, auro.
Protinus Invidiae nigro squallentia tabo
Tecta petit. Domus est imis in vallibus antri
Abdita, sole carens , non ulli pervia vento;
Tristis, et ignavi plenissima frigoris; et quae
Igne vacet semper, caligine semper

760

abundet.

1

755. Ægida. Scutum seu loricam Jovi et Palladi propriam, mis aiyos, caprae vel potius squamoso draconis corio contectam, in qua Medusae caput , homines in lapides convertens.

557. Lemnicolae stirpem. Erichtonium filium Vulcani , qui in Lemnum insulam e caelo cecidit.

[ocr errors][ocr errors][ocr errors][merged small]
[graphic]
[ocr errors]
[ocr errors]

Ademolli in

1. Soothi di

MINERVA ALLA GROTTA DELL INVIDIA

283 Guardò con torto e con crudel aspetto Aglauro allor la bellicosa Dea: E tal sospir diè fuor , che tremò il petto , E lo scudo, ch'a lui giunto tenea; Vede, ch' oltre all'ingiuria, oltre al dispetto, Ch'a scoprir quel dragon fatto la

avea, Per prezzo scellerata, avara e fella Cerca vender l'onor della sorella.

284
Più la sdegnata Dea non può soffrire
Costei , che sì malefica comprende :
Nè men del suo licenzioso ardire
Biasma quest'altro error, che far intende.
Per l' uno, e l'altro suo fallo punire
Verso l'afflitta Invidia il caminin prende;
Che vuol, che dall' Invidia sia punita
Aglauro, troppo avara , e troppo ardita.

285
Una stretta , selvaggia , e scura valle
Nella gelata Scitia si nasconde
Fra monti, che tant'alte hanno le spalle,
Che 'l ciel la pioggia sua mai non v'insonde :
Dov'è tanto intricato , e folto il calle
Al Sol da spessi rami, arbori , e fronde,
Che non sol Febo mai non vi

penetra, Ma a mezzo giorno è spaventosa , e tetra.

286 In

questa valle nel più folto bosco Sta cavata una grotta assai più scura, Che sempre ha il ciel caliginoso e fosco , Che tutte ha muffe le mal poste mura. In questo

infame albergo, e pien di tosco La magra Invidia si ripara , e tura ; Quei che son sempre seco in casa , e fuore Son la Miseria , il Dispregio, e 'I Dolore.

[ocr errors]
[ocr errors]

765

Huc ubi pervenit belli metuenda virago,
Constitit ante domum, (neque enim succedere tectis
Fas habet) et postes extrem i cuspide pulsat.
Concussae patuere fores. Videt intus edentem
Vipereas carnes, vitiorum alimenta suorum ,
Invidiam; visdique oculos avertit: at illa

770 Surgit humo pigrė, semesarumque relinquit Corpora serpentum , passuque incedit inerti.

,
Utque Deam vidit form.ique armisque decoram;
Ingemuit: vultumque ima ad suspiria duxit.
Pällor in ore sedet : macies in corpore toto:

775
Nusquam recta acies: livent rubigine dentes :
Pectora felle virent: lingua est su Jusa veneno.
Risus abest; nisi quem visi movére dolores.
Nec fruitur sonno, vigilacibus ercita curis :

« ZurückWeiter »