Abbildungen der Seite
PDF
EPUB

Quam tu nuper eras, cum candidus ante fuisses,
Corve loquar, subito nigrantes versus in alas, 535
Nam fuit haec quondam niveis argentea pennis
Ales, ut aequaret totas sine labe columbas:
Nec servaturis vigili Capitolia voce
Cederet anseribus , nec amanti flumina cycno.
Lingua fuit damno: lingud faciente loquaci, 540
Qui color albus erat, nunc est contrarius albo.
Pulcrior in tota, quam Larissaea Coronis,

534: Quam tu nuper eras. Corvus initio fuit candidus, sed quum ejus indicio Apollo cognovisset Coronida amicam cum alio quodam juvene rem habere , eamque sagittis interfecisset , puerumque Esculapium exciso utero petraxisset , poenitentia ductus, corvum indicem sibi aliquid praemii spel'antem , ex albo nigrum fecit.

538. Nec servaturis. Allusio ad historiam, quae habetur apud Livium 1. J. Gallos per noctis silentia ad summum Capitolii obsessi adscendisse, ita ut non custodes solum fallerent , sed et çanes: anseres tamen clangore pt strepitu alarum excitasse M. Manlium , dein alios, qui Gallos praecipi. tes deturbarunt. Farn. Servaturis Capitolia anseribus. Ex Virgil. 8. Æneid.

Atque hîc auratis volitans argenteus anser

Porticibus, Gallos in limine adesse canebat. FAB. VIII. et IX. Arg. Pulcrior in tota quam Larissaea Coronis, etc. Coronis Coronei filia refert corvo, ne indicium Apollini faceret : cum enim Minerva Erichtonium Vulcani filium, ex eo quod ex complexu ipsius in terram ceciderat, natum Vulcani filium sustulisset, et comitibus suis Pandroso, Hersae, Aglauroque Cecropis filiabus, cistella inclusum , custodiendum tradidisset , monuissetque ne quis omnino quod intus esset inspiceret, Coronis supradicta, nobilissima virginum, cum a custodibus cistulam laxatam et inspectam ibi draconem reperisset, divulgavit. Quamobrem Dea illam a se alienavit , quae cum in solitudine in littore oblectaretur, Neptunus procul ca conspecta Venere ejus incaluit: cui cum vim afferret, ab eadem Dea propler virginitatem tenaciter custoditam in avem cornicein conversa est, ita tamen ut a templo deae submoveretur.

542. Larissaea Coronis. Duae fuerunt Coronides, quarum altera ab Apolline, allera a Neptuno fuit adamata.

[ocr errors]

183 Sempre si deve ogni cosa coprire, Che può portare altrui noja , ed affanno: Non si vuol mai nè rapportar, nè dire Cosa onde nascer può scandalo, e dannio : Tu sai, che per mercè del tuo fallire Ti convenne vestir d'un altro panno; E dove bianco e grato eri ed allegro, Sei brutto e mesto ed odioso e negro.

184 Non fu veduto mai più vago augello , Più grato

nell

aspetto e più benigno: Un manto il Corvo avea si bianco e bello Che non cedeva alle colombe, e al cigno; Ma dentro il core avea crudele e fello; E l'animo inamabile e maligno: E ben il dimostrò quando non täcque Cosa , onde poi tanta ruina nacque.

185 Tempo fu già , che amava una fanciulla Febo in Tessaglia , nata Larissea , Che la beltà restar fåtta avria nulla Di qualsivoglia in ciel superba Dea: La vede il Corvo un dì, che si trastulla Con altro amante , e che ad Apollo è rea? E va per accusar l'ingrata e fella , Che per nome Coronide s'appella.

Il Corvo se ne va veloce e presto
Per accusar la donna , e non discorre
Se bene, o male è

per
uscir

per questo,
Nè in che periglio egli si vada a porre:
Di servire il padrone è bene onesto,
Ma non però dirgli ogni cosa occorre:
Or mentre andava il vide la Cornacchia,
Che sempre volontier ragiona e gracchia.

186

[ocr errors]

Non fuit Haemonia. Placuit tibi, Delphice, certė,
Dum vel casta fuit, vel inobservata; sed ales
Sensit adulterium Phoebeïus: utque latentem 545
Detegeret culpam non exorabilis index,
Ad dominum tendebat iter: quem garrula motis
Consequitur pennis, scitetur ut omnia, cornix.
Auditique viae caussa: non utile carpis,
Inquit , iter; ne sperne meae praesagia linguae. 550

544. Ales Phiaebeïus. Corvus propter auguria, vaticino et praesagia Apullini sacer.

1

187
Ella che il vede leggier come un vento,
Con tanto studio il suo cammin spacciare ,
Subito prese indizio ,

ed

argomento,
Che qualche gran negozio andasse a fare:
È delle donne universale intento,
Volere i fatti altrui sempre spiare;
Ond' ella per servare il lor costume,
Fe sì, ch'al Corvo fe raccor le piume.

188
Dopo molto pregar , trovato un faggio,
Fermollo dove il suo pensier intese.
Mal fia , disse , per te questo viaggio,
Corvo, se questo error tu fai palese;
Perchè nè buon non si può dir, nè saggio
Quel che procura scandali, e contese :
Non so perchè dir vogli un fatto tale,
Che non ne può succeder se non male.

189
Per quel, che da' più savj odo , ed osservos,
Cosa prima da me mal custodita)
Šebben tu sei d'Apollo augello , e servo,
Non però dei scoprir l'altrui partita;
Tenuto sei , se qualche empio e protervo
Gli machina nel regno, o nella vita;
Poche altre cose un buon servo dee dire ;
E molte men , se mal ne puote uscire.

190
O quanti quanti per l'inique Corti
Pensando di acquistar benevolenza ,
E

рег mostrar d'esser sagaci e accorti ,
Parlano in danno altrui sempre in assenza i
Imparan poi quel che il lor dir importi ,
Che n'hanno universal malivolenza,
E ne restan scherniti e vilipesi;
E ben tu il proverai se ciò palesi.

Quid fuerim, quid simque, vide ; meritumque require:

551 Invenies nocuisse fidem; nam tempore quodam Pallas Erichthonium, prolem sine matre creatam,

551. Quid fuerim. Comes namque fui Minervae. Quid sim. Nunc a comi. tatu Minervae repulsa contemnor. 553. Pallas. De ortu Erichthonii e semine Vulcani , vim

раrantis, in terram effuso obsignati, et tribus virginibus Cecropidis commendati , vide Lactantium l. 1. de falsa religione c. 17.

« ZurückWeiter »