Abbildungen der Seite
PDF
EPUB

151 Dal dì, ch' in forma della figlia Giove Sfogò l'immoderato suo desio, Nove volte mostrò le corna nuove La Luna, ed altrettante il tondo empio, Pria che Diana un dì giugnesse dove Le parve di fermarsi

appresso un rio , In una selva di quercie, e di faggi, Per fuggire i fraterni estivi raggi.

152 Lodato ch' ebbe l'ombra , il bosco e il sito , Le parve fare il saggio ancor dell'acque, E dentro il piede postovi, e sentito Il suo temperamento , assai le piacque; E fatto a tutte un generale invito Di doversi bagnar , lor non dispiacque; Ch' hanno il loco opportuno e ben disposto, Ed ogni occhio , ed ogni arbitro discosto.

153
Or che farà Calisto ? se si spoglia ,
Forz'è che l'error suo si manifeste:
S'indugia , e mostra ben , che non n' ha voglia;
Ma l'altre a forza le traggon la veste,
E scopron la cagion della sua doglia,
E il bel ricetto del seme celeste;
Ella non può con man celar sì il seno,
Che l'error non palesi il ventre pieno.

154
Fuggi , putta sfacciata , e come hai fronte
Star con noi senza il tuo virginal fiore ?
Non profanar questo sacrato fonte ,
Non macchiar questo limpido liquore ;
Deh! non, Diana, non le dir tant'onte ,
Che s'ha corrotto il corpo, ha casto il core:
Ha sano il suo di dentro, ma la scorza
No, che il tuo genitor le ha fatto forza.

Cynthia: deque suo jussit secedere coetu. 465
Senserat hoc olim magni matrona Tonantis :
Distuleratque graves in idonea tempora poenas.
Caussa morae nulla est : et jam puer Arcas (idipsum
Indoluit Juno) fuerat de pellice natus.
Quo simul obvertit saevam cum lumine mentem ; 470
Scilicet hoc unum restabat, adultera , dixit,
Ut foecunda fores: fieretque injuria partu
Nota : Jovisque mei testatum dedecus esset.
Haud impune feres: adimam tibi nempe figuram;
Qua tibi, quaque places nostro, importuna , marito.
Dixit: et, adverså prensis a fronte capillis , 476
Stravit humi pronam. Tendebat brachia supplex:

465. Cynthia. Diana, a Cyntho Deli monte , ubi nata.

466. Senserat hoc olim ec. Jam pridem de hoc furto Jovis cognoverat Juno : seil ultionem in tempus aliud rejecerat.

469. De pellice. De Callistone.

156

155 La casta compagnia sdegnata diede Alla compagna rea perpetuo esiglio. L'infelice Calisto, che si vede Esser in odio al virginal consiglio , Scontenta e trista al patrio albergo riede ; Dove poco dappoi diè fuora un figlio, Che riuscì da seme sì perfetto Nobil di sangue, d'animo e d' aspetto.

Giunon lo stupro avea già presentito , Che fatto avea l'adultero consorte Ed aveva in buon tempo stabilito Di castigar colei di mala sorte; Ma come ha poi notizia, ch'al marito Ha fatto un figlio, s'altera sì forte, Che più la pena a lei tardar non vuole, Per ira ch’ha dell'odiosa prole.

157 Questo mancava un testimonio certo Dell' altrui fallo, e dell'ingiuria mia, Disse : ma tosto n'averai quel merto, Ch’alla tua colpa convenevol fia; Or or voglio, che toglia il tuo demerto A te la forma, a me la gelosia: Non avrai più quel sì lodato volto, Col quale il senno al mio marito hai tolto.

158 La prende con gran rabbia ne' capelli, E la declina a terra , e tira, e straccia; Quell' alza gli occhi lagrimosi e belli, E supplice ver lei stende le braccia: Già coprono le braccia orridi velli, E ver la bocca s’aguzza la faccia; Si veste a poco a poco tutto il dosso D’un rugginoso pel fra il nero,

e'l rosso.

7

Brachia coeperunt nigris horrescere villis,
Curvarique manus, et aduncos crescere in ungues,
Officioque pedum fungi : laudataque quondam 480
Ora Jovi, lato fieri deformia rictu.
Neve preces animos, et verba superflua flectant ,
Possé loqui eripitur Vox iracunda , minaxque,
Plenaque terroris rauco de gutture fertur. 484
Mens antiqua tamen facta quoque mansit in ursá.

478. Brachia. Callisto, ut habet Palaephatus, venatrix erat: illa in. gressa aliquando ursae cubile, interfecta est ab ursa , quae mox egressa , a Callistus comitatu in ursam mutata credebatur. Sed vide Pausaniam 4. lib. 8. Higynum l. 3. c. 1. Commentatorem in Arati Phaenomena.

159
Poi le toglie il parlar grato e giocondo ,
Perchè non possa altrui mover col dire :
Un minaccevol suono , ed iracondo
Dal roco gozzo suo si sente uscire;
L'unghia s'aguzza alla forma del tondo,
E si rende atta a graffiare, e serire,
Curvar prima la mano , e poi si vede
L'ufficio far del faticoso piede.

160

Quel sì leggiadro e grazioso aspetto, Che piacque tanto al gran rettor del cielo, Divenne un fero e spaventoso obbietto Agli occhi altrui sotto odioso velo; L'umana mente solo, e l'intellettó Servò sotto l'irsuto e rozzo pelo; Questa , ch'in ogni parte Orsa divenne, L'antica mente sua sola ritenne.

161 Se Giove ingrato ben chiamar non puote, Jograto dentro all'animo il comprende , E se non può con le dolenti note , Quelle mani che puote al ciel distende; E in tutti gli atti suoi

par,

che dinote Che tutto il mal ch'ella ha, da lui dipende : Ch'ha

per

lui il volto, l'onor suo perduto, E che appartenga a lui di darle ajuto.

162
O

quante volte sola dubitando
Gir per le selve come l'altre fere,
Sen giva intorno alle sue cose errando,
Ovver

per mezzo a qualche suo podere,
Dei proprj noti suoi frutti mangiando
Pruni, mele, castagne, noci , e pere;
Ch'ancor conosce che fal mal colui,
Che del suo puote , e vuol mangiar l'altrui.

« ZurückWeiter »