Parnaso italiano ovvero Raccolta de'poeti classici italiani [ed. by A. Rubbi] 56 tom

Cover
 

Was andere dazu sagen - Rezension schreiben

Es wurden keine Rezensionen gefunden.

Andere Ausgaben - Alle anzeigen

Häufige Begriffe und Wortgruppen

Beliebte Passagen

Seite 153 - ... n su per istaffetta ; una mano imbrattata ed una netta, una gamba calzata ed una scalza ; esser fatto aspettare ed aver fretta : chi più n...
Seite 2 - Se ben dicesse e' ha veduto il giorno Pieno di stelle ea mezza notte il sole. O ch'egli lodi o voglia altrui far scorno, Di varie voci subito un concento, S'ode accordar di quanti n'ha dintorno...
Seite 266 - E dov' hai emendato, O ricorretto, o levato, o aggiunto, Tu non intendi punto, punto, punto. E dov' hai preso assunto Di giudicar, tu sembri il Carafulla, E non intendi nulla, nulla, nulla. Trovategli la culla, La pappa, il bombo, la ciccia e 'l confetto, Fasciatel bene, e mettetelo a letto.
Seite 7 - Che merta di non star senza cultura : Fa che la povertà meno m' incresca, E fa che la ricchezza sì non ami Che di mia libertà per suo amor esca : Quel ch'io non spero aver, fa ch'io non brami ; Che né sdegno né invidia mi consumi , Perché Marone o Celio il signor chiami : Ch' io non aspetto a mezza estate i lumi , Per esser col signor veduto a cena ; Ch' io non lascio accecarmi in questi fumi.
Seite 164 - Quest' è quel che si dice e si può dire A chi del Papa viene a dimandare. Ha buon occhio, buon viso, buon parlare, Bella lingua, buon sputo, buon tossire ; Questi son segni eh' e' non vuoi morire; Ma e' medici lo vogliono ammazzare. Perché non ci sarebbe il loro onore, S'egli uscisse lor vivo dalle mani, Avendo detto: "Gli è spacciato, e
Seite 47 - Chi avesse avuto lo spirto di Carlo Sosena allora , avria a Lorenzo forse Detto , quando sentì duca chiamarlo ; Ed avria detto al duca di Nemorse, Al cardinal d«' Rossi , e al Bibiena , A cui meglio era esser rimaso a Torse.
Seite 30 - ... m'empia la gola, il ventre e le budella; 195 sera per questo piena quella vasta ingordigia d'aver? rimarrà sazia per ciò la sitibonda mia cerasta? Dal Marocco al Catai, dal Nilo in Dazia, non che a Roma, anderò, se di potervi...
Seite 25 - Francia e Spagna; a me piace abitar la mia contrada. Visto ho Toscana, Lombardia, Romagna, quel monte che divide e quel che serra Italia, e un mare e l'altro che la bagna.
Seite 29 - L' un dice : io fui con Pietro in Casentine , E d' esser preso e morto a risco venni : Io gli prestai denar' , grida Brandino . Dice un altro : a mie spese il frate tenni Un anno , e lo rimessi in veste e in arme ; Di cavallo e d' argento gli sovvenni . Se fin che tutti beano aspetto a trarme La volontà di bere ; o me di sete , O secco il pozzo d...
Seite 130 - Noi non l'abbiamo, Adamo, intesa bene: Questa è la casa," dicev'io, "dell'Orco; Pazzi che noi siam stati da catene." Mentre io mi gratto il capo e mi scontorco, Mi vien veduto attraverso a un desco Una carpita di lana di porco.* Era dipinta a olio, e non a fresco : Voglion certi dottor...

Bibliografische Informationen